Spamming

Trad. Let: Inondazione (di caselle di altri utenti) con messaggi indesiderati.

Trattasi dell’invio di mail indesiderate (generalmente di tipo commerciale/pubblicitario) a un gran numero di destinatari che non hanno prestato il proprio consenso (“opt in”) a questa ricezione, creando di conseguenza l’intasamento della casella di posta elettronica.

Talvolta può essere utilizzato anche il termine Junk-Mail (Trad. Let: Messaggio inutile).

Sintesi aspetti socio giuridici
Condotta criminale: art. 18 (principi sul trattamento da parte dei soggetti pubblici), art. 19 (trattamento dei dati diversi da quelli sensibili e giudiziari), art. 23 (disposizioni sul consenso), art. 123 (principi sul traffico delle chiamate), art. 126 (ubicazione dell’utente), art. 130 (sulle comunicazioni indesiderate) e art. 167 (Trattamento illecito di dati) del Testo unico sulla privacy, Legge 196 del 2003.

Relativamente all’opt in (il consenso a ricevere email): D.lg. n. 171 del 1998, Direttiva Comunitaria dell’Unione Europea n. 2002/58/CE, pubblicata sulla G.U.C.E. n. L 201 del 31 luglio 2002.

Si precisa che raramente i minorenni sono autori di questo tipo di condotta.

Vedi anche: PHISHING, SPEARPHISHING, SPIM, WHALING